Cerca Contatti Archivio
 
Sergio Bologna, il lavoro non è finito, il futuro è nel conflitto.

Tempi presenti. «Ritorno a Trieste. Scritti over 80, 2017-2019» di Sergio Bologna, per Asterios. La retorica sulla rivoluzione digitale non cancella lo sfruttamento. L’occupazione regolata da diritti viene sostituita dal precariato frutto dell’uso politico della tecnologia e dell’organizzazione dell’impresa. E anche l’autoritarismo xenofobo montante è per l’autore conseguenza dell’impossibilità «di negoziare le proprie condizioni lavorative e di accesso al Welfare» Fare conflitto e negoziare. È il messaggio che Sergio Bologna lancia alle giovani generazioni, e non solo, nel libro Ritorno a Trieste. Scritti over 80, 2017-2019 (Asterios, pp. 320, euro 25). «Da qui i nostri discorsi debbono partire scrive ma che fatica doversi sbarazzare di idiozie, luoghi comuni, elucubrazioni accademiche, discussioni inutili, falsi obbiettivi... prima di raggiungere finalmente il punto di partenza!».

IL CONFLITTO è, in primo luogo, contro l’ideologia della «fine del lavoro», un’immagine battezzata nel lontano 1995 da Jeremy Rifkin che ha trovato oggi un inveramento nella rivoluzione digitale considerata il prodotto di una magia tecnologica e non del mercato. È la metafora del nostro tempo: le donne e gli uomini che svolgono un lavoro digitale sono considerati «servizi umani», appendici organiche di un algoritmo, funzioni assoggettate all’autorità del capitalismo delle piattaforme. Ai prodotti di questo capitale è attribuita una vita autonoma, mentre la forza lavoro che permette di renderli intelligenti è considerata l’oggetto dell’intelligenza artificiale. Questo rovesciamento è dettato dal feticismo dell’automazione e ha ispirato la profezia della sostituzione del lavoro umano con i robot. È nata così l’idea secondo la quale l’innovazione tecnologica è la principale causa della scomparsa dei posti di lavoro e dellaumento delle disuguaglianze. Bologna ispira un altro modello interpretativo secondo il quale è in atto un processo di sostituzione del lavoro con quello precario determinato dall’uso politico della tecnologia e dell’organizzazione dell’impresa. Questa idea è confermata dal fatto che, anche grazie alla diffusione molecolare delle tecnologie proprietarie, lavoriamo sempre di più, sempre peggio, con paghe miserabili, o addirittura gratuitamente, mentre dall’altra parte crescono ricchezze inimmaginabili. LO STRABISMO del discorso sulla fine del lavoro è l’esito di un’operazione politica e culturale volta a neutralizzare il conflitto possibile. Attenzione, si dice, se vi mettete in conflitto sul luogo di lavoro, rischiate di accelerare la vostra fine che, comunque, sarà inevitabile. Se è inevitabile la scomparsa del lavoro, e non lo è affatto, non ha senso nemmeno contrastare chi impone diseguaglianze inaccettabili fino a poco tempo fa. Questa rappresentazione è un doppio vincolo creato per indurre alla disperazione e all’inazione. È usata per cancellare le rivendicazioni minime sui diritti. Si ritiene che siano inutili perché non portano a un miglioramento, ma addirittura alla perdita del lavoro. Alla fine non basta sperare in un giudice. Un giudice applica le leggi che tutelano i dominanti. Tutt’al più garantisce un risarcimento, tra l’altro sempre minore.

UN CAMBIO di mentalità può derivare da una constatazione materiale. «Finché esisterà un solo uomo sulla terra la cui esistenza dipende da una retribuzione ottenuta in cambio di una sua energia vitale prestata a terzi scrive Bologna il termine “lavoro” avrà la sua piena valenza». Il rapporto ricorsivo tra conflitto e negoziazione è necessario al miglioramento della vita dei lavoratori, ma anche all’evoluzione dell’impresa e dello Stato. La storia recente ha dimostrato che solo a seguito di un conflitto la macchina statale si muove. Anche quando manca, il conflitto esercita un ruolo centrale nella società. L’autoritarismo xenofobo montante è per Bologna la conseguenza dell’impossibilità, o incapacità, «di negoziare le proprie condizioni di lavoro e di Welfare o di migliorare la propria condizione esistenziale». Questo ripiegamento non produce alcun risultato concreto e stimola «conflitti immaginari» che attaccano vigliaccamente gli inermi. Si tratta invece di ripensare, e organizzare, un conflitto «reale che comporta notevoli rischi». Conflitto, di preciso, su cosa? Sull’esercizio autonomo della propria esistenza. Ogni ragionamento sul lavoro non può che partire dalle condizioni di vita in cui si trova la forza lavoro. Il lavoro è sempre una merce in una società capitalistica ed è svolto da chi è costretto, per sopravvivere, a lavorare per un altro. Finché non sarà superata questa ingiustizia il lavoro non finirà, e nemmeno le diseguaglianze che lo producono. Nasce così l’appello di Bologna alla virtù etica e politica del «coraggio». Non è un esercizio volontaristico. Nulla è più effimero di un gesto isolato in una società dove l’individualismo estremo e la concorrenza al ribasso ossessionano chi sopravvive nell’isolamento e non vede alternative al peggio. DAVANTI a questo muro non c’è alternativa: è necessario uscire da se stessi, e organizzarsi. Le diseguaglianze non possono essere lenite con i «pannicelli caldi della carità cristiana o del volontariato laico». Anche nelle condizioni più difficili, e ce ne sono state di peggiori, resta un modo per trovare un’utilità comune nella solidarietà. Lì dove è massimo il pericolo c’è chi si trova nella tua stessa situazione. Il problema è però quello di come organizzare il conflitto in una forza lavoro che ha perso il senso di appartenenza alla classe. E dunque come ricostruire una condizione politica negata dalla frammentazione e dall’individualizzazione. Nell’inchiesta sulle nuove forme organizzative Bologna ha individuato uno strumento importante per affrontare concretamente la contraddizione. Il conflitto oggi è praticabile indipendentemente dallo statuto del lavoratore, sia esso dipendente, autonomo o precario. La critica è al corporativismo del sindacalismo dei dipendenti, all’ideologia del «professionalismo» dei lavoratori autonomi e all’idea che i «precari» da soli possano rappresentare una «classe». L’obiettivo è superare le frontiere, cominciando da quelle in cui un soggetto si rinchiude pensando di trovare un’identità, mentre invece riproduce la propria alienazione. QUESTO NON SIGNIFICA rinunciare alle rivendicazioni sulle «identità professionali» o «di status» e al rispetto delle tutele e dei diritti del contratto o della partita Iva. In più, lì dove esiste un rapporto di lavoro, di qualunque genere, è necessario affrontare il problema di fondo: il salario, il compenso, il reddito: «una grave questione sempre messa in secondo piano rispetto a quella della durata e della forma del contratto», sostiene Bologna. In questa prospettiva, nel libro, si parla del salario minimo orario. È un’idea annunciata in questa legislatura, ma non basta una legge calata dall’alto. Le migliori intenzioni dei governanti, ammesso che lo siano, sono insufficienti senza una negoziazione e un conflitto sulle condizioni generali di vita e sulla retribuzione.

Questo volume va letto anche per le pagine bellissime scritte su Trieste, la città dov’è nato l’autore. La sua personalità inquieta e poliedrica si è formata in una zona di frontiera, fustigata da opposti nazionalismi, ma attraversata da culture che hanno mescolato le lingue, maturando le passioni per la scienza, la ricerca e la letteratura insieme alla spinta alla sperimentazione politica e sociale. Un intreccio duraturo che rende il «neo-nazionalismo attuale» obsoleto agli occhi di Sergio Bologna. L’origine della contraddizione resta nelle condizioni di vita e di lavoro, senza distinzione di nazionalità. «Il mio operaismo scrive era intriso di elementi anarchici, libertari, consiliaristi, non leninisti. Preferivo il libero pensiero, diffidavo del dogma. mi sentivo più vicino alla spiritualità cristiana che all’ottuso settarismo politico. Volevo la liberazione dal regime capitalista e dal regime comunista, volevo entrare in una nuova era, che poi sarebbe stata del post-fordismo e lì trovare nuove, originali forme di emancipazione, di liberazione, inventate da noi, non riprese pappagallescamente dalle formule della terza Internazionale». Il tempo è passato, nuove contraddizioni sono nate, il respiro della libertà ricomincia ogni giorno. (di - Roberto Ciccarelli) *** Dall’operaio massa ai freelance Sergio Bologna (Trieste 1937) ha insegnato storia del movimento operaio e della società industriale in varie università, italiane e tedesche. Fa parte del comitato scientifico della Fondazione di Amburgo per la storia sociale del XX secolo e della Fondazione «Luigi Micheletti». Fondatore di riviste come «Primo maggio» e «Classe operaia», è socio dell’associazione dei consulenti del terziario avanzato Acta. Tra le sue opere, «La New workforce. Il movimento dei freelance e Knowledge Workers. Dall’operaio massa ai freelance» (Asterios); «Vita da freelance» (con Dario Banfi, Feltrinelli); «Ceti medi senza futuro?» (DeriveApprodi); «Maggio ’68 in Francia» (con Giairo Daghini, DeriveApprodi); «Le multinazionali del mare» (Egea); «Nazismo e classe operaia» (Shake).
Il Manifesto

sabato 28 dicembre 2019


 
News

Accordo con Gottardo blocca la «marcia dei 100» di Tigotà
Guerra tra Poveri. Padova e Broni (Pavia), vittoria dei lavoratori della logistica. Gli addetti - spinti dalla proprietà - avevano protestato contro il picchetto Cobas dei facchini Qualcuno aveva addirittura scomodato il paragone con la marcia dei 40mila a Mirafiori. La lotta dei lavoratori della logistica Gottardo di Padova e Broni era stata messa in secondo piano dalla contro manifestazione di un centinaio di lavoratori dei Tigotà catena di negozi di cosmetici e per la casa che protestavano contro i blocchi che impedivano lapprovvigionamento dei punti vendita della stessa proprietà per la movimentazione merci. Per fortuna tutto si è concluso ieri con l’accordo siglato alla prefettura di Pavia con cui i sindacati Adl e Si Cobas portano a casa gran parte delle loro richieste che hanno fatto partire la mobilitazione dei facchini e da lunedì riporterà alla normalità il lavoro dei negozi Tigotà. E si spera zittisca anche la spirale mediatica che aveva alimentato lo scontro fra poveri. >>



Costa Rica. Ucciso il leader della comunità indigena e difensore dei diritti umani Bribri Sergio Rojas Ortiz
In Costa Rica è stato ucciso nei giorni scorsi il leader della comunità indigena Bribri, Sergio Rojas Ortiz. Nel paese centroamericano, come nel resto dell’America Latina, ci sono dei conflitti tra popolazioni indigene e proprietari terrieri. Le popolazioni autoctone nel mondo sono costituite da circa 370 milioni di persone, vale a dire più del 5% della popolazione mondiale e purtroppo sono inserite tra le popolazioni più svantaggiate e povere del mondo. >>



Rapporto Caritas. In 10 anni poveri quasi triplicati.
Dal 2007 i poveri aumentati del 182%, uno su due è giovane o minorenne. In crescita anche i senza dimora. In Italia c'è un "esercito di poveri" in attesa che "non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un'allarmante ronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni". Lo sottolinea Caritas nel Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto. Il numero dei poveri assoluti - ricorda l'organizzazione rilanciando i dati Istat - "continua ad aumentare" e supera i 5 milioni. "Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento" causato dalla crisi. "Esiste uno 'zoccolo durò di disagio che assume connotati molto simili a quelli esistenti prima della crisi economica del 2007-2008 con la sola differenza che oggi il fenomeno è sicuramente esteso a più soggetti". Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono un milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): "Oggi quasi un povero su due è minore o giovane". >>