Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
Continua la catena dei crimini di guerra dell’esercito israeliano a GAZA.
Ieri sera prima ancora dello scadere della tregua la popolazione civile della striscia di Gaza ritornava nel sangue: in un bombardamento a Gaza City quartiere di Sheikh Radwan hanno perso la vita la moglie e il figlio di Mohammed Deif, comandante del movimento islamico di resistenza. Sotto le macerie altri 3 civili, I cui corpi sono arrivati all'obitorio dello Shifa Hospital, per le difficolta' nel recuperare I cadaveri, solo nella tarda mattina di oggi. Nel bombardamento sono rimasti feriti anche gli altri figli, in tenera eta', di Mohammed Deif .
continua...
- mercoledì 20 agosto 2014

19 agosto I bombardamenti continuano, ci sono morti e feriti...........
Ieri 18 agosto Gaza City era in in "delirio": alla mezzanotte sarebbe scaduta la tregua e per tutta la giornata le notizie si sono rincorse senza tuttavia avere un'idea precisa di cosa stesse accadendo al Cairo, al tavolo delle trattative. I negozi erano affollati per acquistare cibo, grande traffico di macchine e camioncini stipati di persone e cose. Infatti le famiglie di sfollati che erano rientrati nelle loro case, ancora agibili anche se bombardate, non sapendo cosa potesse accadere dopo la mezzanotte ritornavano a rifugiarsi nelle scuole dell'Unrwa per passarvi la notte. Da Beyt Hanun a Jabaliya, un flusso ininterrotto di centinaia di persone.
continua...
- martedì 19 agosto 2014

A Gaza il diritto all'istruzione e' negato!
L'inizio dell'anno scolastico si avvicina, sara' il prossimo 24 agosto per 558.000 studenti tra i 6 ed i 18 anni. Unrwa gestisce a Gaza 245 scuole per 230.000 studenti e ogni classe ha una media di 38 studenti; le scuole governative sono 419 per 328.000 studenti e nella maggior parte le classi raggiungono o superano i 50 studenti . Il sistema scolastico opera a turni, dalle 7.00 alle 11.30, dalle 12.00 alle 16.00 e ogni lezione dura 45 minuti. In questi giorni di tregua Unrwa sta faccendo la valutazione delle 12 strutture scolastiche che sono state danneggiate durante gli attacchi israeliani,alcune con danni rilevanti, ma la preoccupazione principale e' per la mancanza di materiale da costruzione. Anche scuole governative hanno subito danni e se tutte le strutture scolastiche non saranno In grado di riaprire ed essere operative, questo determinera' gravi problemi organizzativi con ricadute negative sulle attivita' e l' insegnamento dell'intero anno scolastico.
continua...
- martedì 19 agosto 2014

La prossima guerra razziale non riguarderà la razza.
La rivolta di Ferguson, in Missouri, sarà un punto di svolta nella lotta contro l’ingiustizia razziale, oppure sarà una piccola nota a piè di pagina in qualche tesi di dottorato sulle sollevazioni civili nei primi anni del XXI secolo? La risposta può essere trovata nel maggio del 1970. Probabilmente avete sentito della sparatoria della Kent State: il 4 maggio 1970 la guardia nazionale dell’Ohio ha aperto il fuoco sulle proteste degli studenti alla Kent State University. In quei 13 secondi di sparatoria, sono stati uccisi quattro studenti e nove sono rimasti feriti, uno dei quali paralizzato in modo permanente. Lo shock e il clamore sono sfociati in uno sciopero nazionale di quattro milioni di studenti che hanno chiuso più di 450 campus.
continua...
- martedì 19 agosto 2014

Ferguson e oltre: omicidi legittimi e morti premature nel ghetto americano.
Secondo un recente rapporto dell’FBI relativo ai casi di “omicidio legittimo” (justifiable homicide) riportati annualmente da un campione dei dipartimenti di polizia della nazione, tra il 2005 e il 2012 i poliziotti americani hanno “legittimamente” ucciso oltre 400 civili l’anno. Se poi si osserva la composizione razziale di questi “incidenti” si scopre che in media due afroamericani la settimana hanno perso la vita per mano di agenti di polizia bianchi. E si tratta soprattutto di giovani e adolescenti: secondo il rapporto, il 18% degli afroamericani deceduti durante incontri con la polizia aveva meno di 21 anni (contro l’8.7% dei bianchi). Oscar Grant, eseguito a freddo con un colpo alla schiena da un agente di polizia la notte di capodanno del 2009, mentre era ammanettato in una stazione della metropolitana di Oakland, ne aveva ventidue. Mentre Sean Bell, crivellato di colpi dagli agenti del NYPD la sera del 25 novembre 2006, dopo che aveva festeggiato con amici l’addio al celibato in un locale di New York, ne aveva ventitré.
continua...
- lunedì 18 agosto 2014

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

Gaza: i numeri della guerra 1.910 morti, di cui 415 bambini.
In 29 giorni di guerra tra israeliani e palestinesi, a partire dall'8 luglio scorso, i morti sono stati complessivamente 1910, di cui 1843 palestinesi, 64 soldati israeliani, due civili israeliani e un thailandese. Il bilancio e' redatto dall'agenzia umanitaria dell'Onu Ocha >>



Mais Ogm: spunta un nuovo campo.
Dopo le coltivazioni di Mereto, Vivaro e Colloredo, Fidenato continua la sua battaglia a Fanna. La battaglia di Giorgio Fidenato, leader di Futuragra, continua. Come aveva anticipato, infatti, la sua azione di protesta contro la decisione della Regione di vietare le coltivazioni geneticamente modificate non si ferma. Dopo i campi di Vivaro, Mereto e Colloredo, dove il mais Mon810 è stato estirpato per ordine della Procura della Repubblica, Fidenato ha nuovamente seminato in un appezzamento a Fanna. >>



Armi made in Italy, Unimondo: “Verso il Medio oriente record di esportazioni”.
Analisi della Relazione governativa: verso il Medio Oriente autorizzate esportazioni per oltre 709 milioni di euro ed effettuate consegne per oltre 888. Il principale acquirente è l’Arabia Saudita. Spediti nel mondo armamenti italiani per oltre 2,7 miliardi contro i 2,9 del 2012. Dimezzato il “portafoglio d’ordini” >>