Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
IL GOVERNO RENZI VUOLE PRIVATIZZARE ACQUA E BENI COMUNI FERMIAMOLO! NOI SCIOPERIAMO TUTTI I GIORNI: CI AUTORIDUCIAMO LE BOLLETTE DELL’ACQUA PER DIFENDERE E ATTUARE I REFERENDUM DEL 2011!!
Siamo oggi in piazza nello sciopero contro il Jobs Act per dare un contributo alla battaglia complessiva contro le politiche del Governo Renzi che, dal Jobs Act allo Sblocca Italia, dalla Spending review alla legge di Stabilità, non risolvono i problemi reali del paese ma anzi li aggravano. Come non vedere un nesso profondo tra le politiche sociali e quelle riferite ai servizi pubblici locali e ai beni comuni? Il Governo Renzi sta tentando di raggiungere un risultato a cui sinora nessun predecessore era riuscito: la privatizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici locali!!!
continua...
- giovedì 11 dicembre 2014

L’olio di palma fa male alla salute. Ecco i lavori scientifici che lo dimostrano. Il silenzio imbarazzato del Ministero salute, delle aziende e dell’Inran (Cra-Nut)
L’olio di palma fa male alla salute? La risposta è affermativa anche se gli studi condotti da alcuni ricercatori in Malesia e in Indonesia (i principali paesi produttori di olio di palma) tentano di dimostrare il contrario. Le aziende italiane che usano il palma in quasi tutti i prodotti alimentari cercano di ignorare questo problema, anche se è ormai difficile sostenere che si tratta di un grasso di buona qualità. Abbiamo chiesto un parere al Ministero della salute, all’Istituto Superiore di Sanità, all’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (ex Inran ora Cra Nut): nessuno ha saputo fornire risposte sulla sicurezza di questo ingrediente. In assenza di fonti ufficiali abbiamo fatto una ricerca per vedere cosa dice la letteratura scientifica a proposito del grasso palma e le conclusioni sono poco rassicuranti.
continua...
- giovedì 11 dicembre 2014

Il Coordinamento Zero OGM di nuovo davanti ad un mangimificio per chiedere a Veronesi la conversione della filiera al Free Ogm
Ieri, sabato 6 dicembre, il Coordinamento Zero Ogm per un cibo sano per tutti – del quale AltrAgricoltura Nord Est è uno dei soggetti promotori – e i Comitati Lasciateci Respirare di Monselice e Lendinara e il Comitato cittadino contro i disagi del mangimificio Veronesi, hanno manifestato,, davanti al mangimificio del gruppo Veronesi ad Ospedaletto euganeo (PD) per chiedere al gruppo di convertire le sue filiere al OGM free, di garantire tracciabilità sui prodotti finiti e per denunciare l'inquinamento causato dalla presenza dell'impianto nel centro abitato.
continua...
- lunedì 8 dicembre 2014

Identificati in Messico i resti di uno studente di Ayotzinapa, proteste #1DMX #6DMX #YaMeCanse2
“Compagni, a tutti quelli che ci hanno sostenuto, sono Alexander Mora Venancio. Con questa voce vi parlo, sono uno dei 43 caduti del giorno 26 settembre per mano del narco-governo. Oggi, 6 dicembre, i periti argentini hanno confermato a mio padre che uno dei frammenti delle mie ossa mi appartiene. Mi sento orgoglioso che abbiate alzato la mia voce, la rabbia e il mio spirito libertario. Non lasciate mio padre solo col suo dolore, per lui significo praticamente tutto, la speranza l’orgoglio, il suo sforzo, il suo lavoro, la sua dignità. Ti invito a raddoppiare gli sforzi della tua lotta. Che la mia morte non sia avvenuta invano. Prendi la miglior decisione ma non mi dimenticare. Rettifica se possibile, ma non perdonare. Questo è il mio messaggio. Fratelli, fino alla vittoria”.
continua...
- domenica 7 dicembre 2014

Ambientalisti contro l'utilizzo di Ogm, parte la protesta.
Ospedaletto Euganeo - manifestanti a Ospedaletto davanti al mangimificio del gruppo Veronesi: «Tracciabilità ed etichette chiare». Chiedono di garantire la tracciabilità e la trasparenza sul prodotto finito, un’etichettatura chiara che indichi la presenza di Ogm e soprattutto la conversione delle filiere compromesse con gli Ogm. Si sono radunati in più di cinquanta, ieri mattina, davanti al mangimificio del gruppo Veronesi di Ospedaletto Euganeo.
continua...
- domenica 7 dicembre 2014

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

OGM, gli Stati dell’UE potranno vietarli
I rappresentanti permanenti dei governi nazionali dell'UE hanno approvato senza voti contrari, nel pomeriggio del 10 dicembre a Bruxelles, l'intesa che era stata raggiunta il 4 dicembre fra le istituzioni europee sulla direttiva che permetterà agli stati membri di vietare, sul proprio territorio, la coltivazione di organismi geneticamente modificati (OGM), autorizzati a livello comunitario. >>



Amnesty: attacco Israele alle torri di Gaza è un crimine di guerra
Striscia di Gaza. L’ong a difesa dei diritti umani chiede una indagine indipendente sulla distruzione di quattro grandi edifici palestinesi colpiti dall’aviazione israeliana negli ultimi giorni dell’offensiva “Margine Protettivo” La sera del 23 ago­sto i 12 piani della Torre Zafer, nel cen­tro di Gaza city, ven­nero giù in un attimo. Cen­trati da una bomba ad alto poten­ziale sgan­ciata da un F-16 israe­liano, si tra­sfor­ma­rono in una nuvola di pol­vere e detriti. Un mes­sag­gio inviato dalle forze armate israe­liane prima dell’attacco rispar­miò la vita a cen­ti­naia di civili pale­sti­nesi. Ma 44 fami­glie in un lampo per­sero la casa e tutto quello che ave­vano. E la fuga dei civili tra urla di panico pro­vocò il feri­mento di 22 per­sone, tra le quali 11 bam­bini e cin­que donne. >>



Turi Vaccaro entra e danneggia l’antenna Muos e rifiuta gli arresti domiciliari.
Turi libero subito! da tg vallesusa -Tratto in arresto per aver violato le recinzioni della base Muos, nel tentativo di piantare semi nel terreno della base americana, Turi Vaccaro ha rifiutato gli arresti domiciliari, ed è stato trasferito nel carcere di Gela. >>